SAPPI GUARDARE COME VOLA LA LUCE

5-newmethodfor

Riceviamo e pubblichiamo, da Mary, ragazza del nostro gruppo Adolescenti.
Dove si conferma che educare, che deriva dal latino e-ducere, vuol dire: fare venire fuori e non: mettere dentro.
                                                                                                                                Patrizia

SAPPI GUARDARE COME VOLA LA LUCE

Sappi guardare come vola la luce
nell’immenso libera sa volare
senza che nessuno faccia niente,
lei continua a viaggiare
senza temere la destinazione.

Sappi guardare come vola la luce
percepisci il suo calore,
non è sempre captabile
non è sempre rivolto a te.

Quando vedi la luce
ritieniti fortunato di poterla vedere,

Quando assaggi la luce
ritieniti fausto di poterla assaggiare.

Sappi guardare come vola la luce
ricordo la sensazione
di stare in una stanza
colma di quiete
in cui penetra il bagliore
del lontano faro,
ti senti vivo
per mano di un’energia nascosta
bensì sfarzosa
che ricarica e rigenera
gli esseri mortali
di questo pianeta.

Sappi guardare come vola la luce
sa riscaldare un cuore
intrufolandosi come un soffio
nelle sfere di vetro soffiato,
attraversando l’intero reggimento
fino a giungere all’accampamento.

Sappi guardare come vola la luce
le stelle emanano
un fuggitivo bagliore
per cui gli innamorati
dedicano parole d’amore.

Questa luce sa incantare
i giovani esploratori
che immaginano mondi paralleli
in cui viaggiare con i sogni.

Il loro lume è amico
dell’astro di luce più aggraziato
che sprigiona la sua luce
scaldando le notti invernali
e raffreddando quelle estive.

Sappi guardare come vola la luce
quel setoso bacio impercettibile,
perché ciò è casa tua.

                 Mary – Vicenza

 

Post a comment

Book your tickets