La Vita: Dono o Bene, Dono e Bene. Personale riflessione sul Decaloper

Schermata 2016-04-07 alle 22.45.45

Al solito, riconfermo a me stesso che ho bisogno di sentirmi ripetere certi discorsi di base, anche perché ogni volta è diverso e ne colgo sfumature che prima non avevo mai colto. Ci si stupisce di quanto si possa imparare e trarre esperienza da un breve “algoritmo” di dieci passaggi, che in realtà racchiude un universo intero… perché semplicemente lì dentro c’è tutto un percorso di vita.
La Vita come un Dono (Decaloper Ideale), la Vita come un Bene (Decaloper Pragmatico): ho compreso che si tratta di una scelta, che va compiuta dall’individuo, con libertà. Ho capito che sempre, in qualsiasi momento, sono libero di scegliere e credere che la Vita sia un Dono oppure un Bene… oppure entrambe. Io sento che sono libero di credere che la Vita sia entrambe: ci sono momenti in cui è più adeguato vedere la Vita come un Dono, altri in cui è più adeguato vederla come un Bene. Vero è, oltre a ciò, che il mio percorso di sviluppo personale mi ha finora portato a fare esperienza della Vita come Dono meraviglioso. La chiave sta nel Riconciliarsi. E qual è il collegamento tra le due cose? Tra il passaggio della Riconciliazione e la visione della Vita come Dono?
Ho una mia risposta, più istintiva che ragionata, basata sulla mia esperienza: sento che quando mi riconcilio con me stesso, in qualche modo mi è quasi impossibile non vedere la Vita con occhi diversi. Riconciliarsi crea un cambiamento in se stessi, e quando ci si apre al cambiamento è come aprirsi a un mondo nuovo, anch’esso “magicamente” cambiato. Ogni volta che decido di riconciliarmi con me stesso, la prima parola che mi esce più spontaneamente dalle labbra è: “Grazie.” A chi? Non so… a Dio, alla Vita, alla Natura, all’Universo, alla mia Famiglia, a me stesso per essere stato disponibile ad arrivare fin lì… “A chi” è soggettivo. Il fatto però è che sto ringraziando e per cosa si ringrazia se non per un Dono meraviglioso? Un Dono che poi, in effetti, è anche un Bene e come tale va amato, protetto, coltivato dando il meglio di sé!
Mi permetto, però, di tornare per un momento su “chi o che cosa” stiamo ringraziando: sempre nella mia esperienza, quello che ho visto (e che bellezza averlo visto…) è che può capitare di riconciliarsi anche con Qualcuno (o Qualcosa?molto più grande di noi… Questo piccolo “miracolo” capita nel momento in cui si ha l’umiltà di ricordare che “io sono una goccia d’acqua nell’oceano, sono solo una scintilla dell’Immensità”… E così ritorna anche l’emozione della fede. A che serve tutto questo? Semplicemente, a migliorare la qualità della Vita e, se non altro, a Conoscere il fatto che la felicità non ha limiti se non quelli che noi spesso le imponiamo e sono libero di trovarla quando e dove desidero, perché conosco la grandezza infinita del Dono della Vita.
Dopo il Riconciliarsi, sempre nella mia esperienza, un po’ più avanti nel Decaloper Ideale c’è un altro passaggio cruciale: il Condividere. Mi è stato insegnato che, in quanto parte degli ultimi tre passaggi del Decaloper, è un passaggio che solitamente va fatto dopo il Corso, per libera scelta. Perciò, lo vedo un po’ come il momento in cui uno veramente inizia ad aiutarsi da solo. Ed è una conquista inestimabile, perché quando decido di condividere inizio a vedere gli altri come persone… Non solo: inizio a credere in queste persone, perché finalmente ne vedo la meraviglia! Questo mi porta a credere nel Sogno di un mondo migliore e grazie al Condividere nasce l’Amore. C’è da dire che, seguendo l’ “algoritmo”, fin qui non ci si arriva se prima non si è passati attraverso la Riconciliazione. Se mi permetto di arrivare, poi, all’ultimo passaggio, con un tale percorso alle spalle, lo vedo chiaramente, che la Vita è un Dono. Man mano che scrivo queste righe, arrivo anche a capire che un Istruttore adeguato, inteso come “professionista a misura d’uomo con un pizzico di cuore”, questi passaggi li ha fatti. Li ha fatti?… Li fa!! E li farà, sempre, ne farà esperienza per il resto della sua vita…
Ora, al di là della mia esperienza e della mia lunga risposta, quello su cui possiamo concordare è che, Dono o Bene, Dono e Bene, è una Scelta. Ciò che conta è che questi due “algoritmi” portano alla stessa meta: DARE UN SENSO ALLA VITA. Questo conta e, per questo, “se Tu stai bene, io sto bene”.

Marco Ciscato – studente del Corso triennale di Counseling Dinamico Relazionale – Esperto in Cibernetica Sociale

I Decaloper dell’Abitante Adeguato

IDEALE
Sapere per Capire
Capire per Fare
Fare per Conoscere
Conoscere per Riconciliarsi
Riconciliarsi per Vivere
Vivere per Meravigliarsi
Meravigliarsi per Crescere
Crescere per Condividere
Condividere per Amare
Amare per Dare un Senso alla Vita

PRAGMATICO
Sapere per Capire
Capire per Fare
Fare per Conoscere
Conoscere per Sperimentare
Sperimentare per Crescere
Crescere per Scegliere
Scegliere per Sentirsi Liberi
Sentirsi Liberi per Vincere le Paure
Vincere le Paure per Non Rinunciare
Non Rinunciare per Dare un Senso alla Vita

Marcello Bonazzola

Post a comment

Book your tickets